Browsing: Nazionale

Le consultazioni avranno inizio nel pomeriggio di domani, mercoledì 27 gennaio

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha rassegnato le dimissioni nelle mani del presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

E’ quanto riporta una nota del Quirinale in cui si legge: “Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto questa mattina al Palazzo del Quirinale il Presidente del Consiglio dei Ministri Prof. Avv. Giuseppe Conte, il quale ha rassegnato le dimissioni del Governo da lui presieduto. Il Presidente della Repubblica si è riservato di decidere e ha invitato il Governo a rimanere in carica per il disbrigo degli affari correnti. Le consultazioni avranno inizio nel pomeriggio di domani, mercoledì 27 gennaio”.

La nota del Quirinale

Appuntamento martedì 26 gennaio alle ore 10.30 con il webinar “Il Credito in Confesercenti: nuove opportunità“.

L’evento, rivolto alle Organizzazioni territoriali e alla Rete, prevede il seguente programma:

– Introduzione Politica Strategica, Direttore Generale Confesercenti Nazionale dr Giuseppe Capanna

– Presentazione società del credito in Confesercenti, Cons. CFT dr Giuseppe Tateo

– Dalla consulenza alla mediazione per assistere a 360 gradi le imprese socie e relative famiglie, Cons CFT dr Giuseppe Tateo

– CFT nuovo soggetto di riferimento per la mediazione con propria rete collaboratori, Resp. Comm. CFT dr Giuseppe Savastano

– ATS COSVIG nuovo soggetto di riferimento per la consulenza delle OO.TT e della rete collaboratori, Direttore ATS – COSVIG dr MarcoD’Onofrio

– Convezioni e strumenti a disposizione per la rete ATS COSVIG e CFT, Resp. Comm. ATS COSVIG dr Silviano Di Pinto

Per partecipare al webinar inviare una mail a marco.donofrio@confesercenti.it entro lunedì 25 genn..

“La crisi innescata dalla pandemia si è abbattuta con particolare forza sulle attività di minori dimensioni e su turismo, commercio e ristorazione. Il PNRR deve tenere conto della natura concentrata della recessione a cui stiamo assistendo, con interventi mirati per questi due settori e, in generale, maggiore attenzione alle micro e piccole imprese”.

Così la presidente Patrizia De Luise, intervenendo all’incontro con il Governo sul recovery plan.

“A pesare una contrazione eccezionale dei consumi, con una riduzione nell’ordine di -105 miliardi nel solo 2020. Per normalizzarli – spiega De Luise – sarà necessario il successo della campagna vaccinale: ogni mese di ritardo ci costa quasi 5 miliardi di mancato recupero dei consumi. E con la prosecuzione della pandemia e delle restrizioni, rischiamo di perdere altri 15 miliardi di euro a trimestre anche nel 2021”.

Tra gli interventi urgenti richiesti da Confesercenti, misure ad hoc anche per il turismo e credito, in particolare per le picc..

Sono in corso gli incontri tra Governo e parti sociali sul Recovery Plan.

Confesercenti partecipa al confronto con il presidente del Consiglio Conte con una delegazione guidata dalla presidente nazionale Patrizia De Luise e dal segretario generale Mauro Bussoni.

Scolamacchia: “Superbonus 110% e tax credit tra le priorità”

La crisi profonda del turismo rischia di diventare irreversibile per molte imprese del settore alberghiero: nel 2020 nelle strutture ricettive italiane sono mancati 83,6 milioni di pernottamenti di turisti italiani e ben 157,1 milioni di turisti stranieri, producendo una perdita di oltre 32,5 miliardi di euro. A sottolinearlo è Assohotel Confesercenti in una nota.

“E’ assolutamente necessario riprendere a sostenere le imprese ricettive – afferma Nicola Scolamacchia, vicepresidente vicario di Assohotel, l’associazione degli albergatori di Confesercenti – la strada per uscire dal tunnel è lunga e bisogna arrivarci attrezzati, ci auguriamo che il mercato riprenda tra due, tre anni e le politiche da mettere in campo per il rilancio del comparto devono basarsi due pilastri di azione: il sostegno economico contingente e lo sviluppo”.

“Da una parte – prosegue Scolamacchia – le strutture ricettive italiane necessitano di misure ad..

Le risorse stanziate dal Recovery Fund per i progetti di rigenerazione urbana potrebbero essere utilizzate anche per il rilancio e la riconversione delle imprese di vicinato.

Ad aprire alla possibilità è il Viceministro all’Economia Antonio Misiani che, invitato a partecipare alla giunta di Confesercenti, ha risposto così alla richiesta dell’associazione di includere nel piano nazionale di resilienza e rilancio interventi a favore delle attività urbane, dai negozi ai pubblici esercizi.

Misiani ha inoltre assicurato che per i nuovi ristori è previsto “il superamento del criterio di selezione sui codici Ateco”, come più volte chiesto da Confesercenti. “Il nuovo meccanismo – ha spiegato il viceministro – garantirà l’inclusione di tutte le imprese che hanno subito cali significativi del fatturato annuale rispetto al 2019, in una logica perequativa che vada a favore delle realtà “che hanno ricevuto meno aiuti nel corso del 2020 o non ne hanno ricevuti affatto”.

In data odierna si è tenuta una riunione, fortemente voluta dal Ministero dello Sviluppo economico e presieduta dal sottosegretario Alessia Morani, tra i vertici di Fipe Confcommercio e Fiepet Confesercenti ed alcuni componenti del Comitato tecnico scientifico assistiti da rappresentanti dell’Inail e dell’Istituto Superiore di Sanità.
Durante l’incontro le due associazioni datoriali hanno presentato alcune proposte per una possibile e graduale riapertura in sicurezza delle attività di somministrazione. Il Cts ha manifestato grande attenzione e si è riservato di valutare le proposte nel merito già nel corso della prossima settimana.

Occorre un intervento strutturale sulla rete di vendita
“Ancora una volta sono i numeri a parlare: nonostante le edicole siano rimaste sempre aperte le vendite dei principali quotidiani nazionali a ottobre 2020, rispetto allo stesso mese del 2019, registrano un crollo del 11% circa”.

Così la Fenagi nel giorno in cui si aprono i termini per l’invio delle domande per accedere ai 1.000 euro previsti dal bonus, riconosciuto per l’anno in corso, per rivenditori di quotidiani e riviste.

“Il bonus è un aiuto considerevole – prosegue la Federazione dei giornalai aderenti a Confesercenti – che però temiamo non sarà sufficiente ad allontanare il rischio della chiusura per molti edicolanti. Questa emorragia di vendite, iniziata da tempo, non sembra arrestarsi, incidendo pesantemente sul reddito dei rivenditori”.

“Questo Esecutivo, durante l’emergenza coronavirus ha riconosciuto alle edicole un ruolo sociale importante. Ricordiamo – conclude la Fenagi – che quegli stessi esercenti se si vedrann..

Alle 11.30 di giovedì 21 gennaio 2021, Confesercenti interviene in audizione presso le Commissioni riunite Affari costituzionali e Bilancio della Camera.

Oggetto dell’audizione il disegno di legge C. 2845, di conversione del decreto – legge n. 183 del 2020 (cosiddetto Decreto Milleproroghe) recante disposizioni urgenti in materia di termini legislativi, di realizzazione di collegamenti digitali, di esecuzione della decisione (Ue, Euratom) 2020/2053 del Consiglio, del 14 dicembre 2020, nonché in materia di recesso del Regno Unito dall’Unione europea.

IL DOCUMENTO PRESENTATO DA CONFESERCENTI IN AUDIZIONE

“Confermato calo PIL del 9%, per i ristori possibile valutare interno anno”

Il ministro dell’economica Roberto Gualtieri è intervenuto in audizione davanti alle Commissioni riunite Bilancio di Camera e Senato, nell’ambito dell’esame della Relazione al Parlamento predisposta ai sensi dell’articolo 6 della legge n. 243 del 2012 (scostamento di bilancio).

“Complessivamente – le parole di Gualtieri – sono state varate misure pari a circa il 6,6% del pil, a cui si aggiungono 300 miliardi di crediti oggetto di moratoria e 150 miliardi di prestiti garantiti. Si tratta di uno degli interventi più rilevanti d’Europa paragonabile solo a quello messo in campo dalla Germania”.

Sul PIL Gualtieri ha confermato la stima della NaDef di una caduta del 9% sui dati annuali 2020 e parlato di rischi al ribasso per la previsione programmatica 2021 per il quale si prevedeva una crescita del 6%.

“Grazie allo scostamento di bilancio – ha continuato il ministro – proseguiremo e completeremo gli interventi d..