Browsing: Nazionale

L’avvio della misura potrebbe essere spostato di un mese. Già prorogato l’adeguamento dei registratori telematici. Accolti dubbi di Confesercenti

L’avvio della lotteria degli scontrini potrebbe essere spostato al primo Febbraio. A dare l’indiscrezione è il Sole 24 Ore, secondo cui con l’approvazione del Decreto Milleproroghe il Consiglio dei Ministri del 23 dicembre avrebbe inserito una mini proroga al 1° febbraio 2021 con possibilità di segnalare gli esercenti che non permettono la partecipazione dal 1° marzo.

Se l’intervento fosse ufficializzato, verrebbe parzialmente incontro alle richieste avanzate più volte dal Confesercenti e confermerebbe la validità dei dubbi avanzati dall’associazione. A causa dell’emergenza pandemica, infatti, la rete dei negozi non ha infatti ancora terminato l’adeguamento dei registratori di cassa necessario a partecipare alla lotteria. L’avvio previsto per la misura, inoltre, coincide con il periodo di lockdown dei negozi stabilito dal Cdm la scorsa sett..

“Servono ulteriori interventi”

ASSOVIAGGI Confesercenti, ASTOI Confindustria Viaggi, e FTO Confcommercio confermano che in queste ore stanno finalmente arrivando sui conti bancari di agenzie di viaggio e tour operator i primi contributi a fondo perduto, che coprono le perdite da marzo a luglio 2020 e che sono stati stanziati con i vari decreti emanati dallo scorso maggio in poi.

Una prima boccata di ossigeno per le imprese del turismo organizzato in grave sofferenza già dallo scorso 23 febbraio; un settore senza alcuna speranza di vedere i primi segnali di cambiamento prima della prossima estate 2021, se non oltre.

ASSOVIAGGI, ASTOI e FTO ringraziamo il MiBACT, ma ribadiscono che il comparto ha bisogno con urgenza di ulteriori interventi, già più volte segnalati e per i quali, nei giorni scorsi, è stata inviata una lettera e richiesto uno specifico incontro.

Le associazioni del turismo organizzato si riferiscono in particolare a:

– rifinanziamento del Fondo perduto per Tour Operat..

L’Associazione a sostegno delle persone in difficoltà, ancor più provate dall’emergenza coronavirus

La solidarietà non chiude. Nonostante le serrande abbassate di migliaia di imprese, Confesercenti continua a far sentire la propria vicinanza a tante persone bisognose. E domani 24 dicembre a Napoli, Roma e Milano donerà alle sedi locali della Comunità di Sant’Egidio oltre 6.500 porzioni di lasagne solidali, prodotte dai ristoratori di Fiepet Confesercenti per dare un segnale concreto di solidarietà a chi ha bisogno in questo momento di grande difficoltà. Insieme al pasto saranno donate anche 60mila mascherine anti-Covid, omaggio della azienda ESSECI Italia srl.

È questo l’obiettivo di “Io ci sono – il nostro pasto solidale”, l’iniziativa di Confesercenti e Fiepet.

“L’emergenza sanitaria ha in molti casi fatto letteralmente esplodere tante situazioni di povertà e marginalità nel nostro Paese”, commenta la presidente nazionale di Confesercenti Patrizia De Luise. “Confesercenti, attrave..

“Ora una nuova legge per gestione equilibrata locazioni nell’era dei lockdown a singhiozzo”

Emergenza affitti per le imprese del commercio ed i pubblici esercizi. Tra pandemia, riduzione dei volumi d’affari e lockdown a singhiozzo, in Italia ci sono almeno 75mila imprese che rischiano di non riuscire a saldare i canoni, e di non poter approfittare dunque di circa 270 milioni di euro di credito di imposta. Che, così com’è, non basta: va rivisto e affiancato da nuove soluzioni. Così Confesercenti.

La questione degli affitti è la nuova emergenza per chi fa impresa oggi. In particolare, per quest’ultimo trimestre dell’anno: le chiusure disposte improvvisamente nei mesi scorsi e per le feste hanno praticamente azzerato la liquidità disponibile di migliaia di imprese. Per questo, chiediamo di estendere immediatamente la possibilità di beneficiare del credito di imposta sui mesi ottobre, novembre e dicembre anche alle imprese che corrispondono i relativi canoni entro il 31 marzo 2021.

Occo..

L’Agenzia delle Entrate risponde alle domande sull’applicazione del Superbonus provenienti da stampa specializzata, associazioni di categoria, ordini professionali e Centri di assistenza fiscale (CAF), dopo la Circolare n. 24/E e le molte risposte agli interpelli già pubblicate.

Con la circolare 30/E, infatti, le Entrate, forniscono ulteriori chiarimenti sulla detrazione delle spese per interventi di efficienza energetica, antisismici, di installazione di impianti fotovoltaici nonché delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici che rientrano nel Superbonus al 110%. Il documento di prassi inoltre spiega le modifiche introdotte all’agevolazione dal decreto legge n. 104/2020 e fornisce l’elenco dei documenti e delle dichiarazioni sostitutive da acquisire al momento in cui viene rilasciato il visto di conformità sulle comunicazioni per la cessione del credito o per lo sconto in fattura.

L’elenco delle novità del Dl n. 104/2020 – Nel documento dell’Agenzia vengo..

Il decreto milleproroghe dimentica di rinviare l’avvio della lotteria dello scontrino, previsto per il prossimo primo gennaio. Una dimenticanza grave, che non tiene conto non solo del fatto che metà della rete dei negozi è impossibilitata a partecipare – ad oggi sono stati adeguati meno di 700mila registratori di cassa su 1,4 milioni – ma nemmeno delle restrizioni alle attività che entreranno in vigore dal 24 dicembre fino al 7 gennaio. Sarebbe incomprensibile far partire la lotteria dello scontrino mentre la maggior parte dei negozi è in lockdown.

Così Confesercenti commenta le bozze circolanti di decreto milleproroghe.

Abbiamo chiesto a Mef e Agenzie delle entrate almeno di rinviare le segnalazioni per gli esercenti che non sono in grado di partecipare e di introdurre un tax credit per aiutare le imprese a sostenere i costi di adeguamento hardware e software necessari per aderire alla Lotteria. Ma serve anche un taglio più deciso delle commissioni pagate dalle imprese sulle transaz..

Manifesto congiunto delle associazioni di categoria. Da domani cartelli in migliaia di locali per manifestare l’esasperazione verso il governo

Costretti a tenere le serrande abbassate, ristoratori e gestori dei pubblici esercizi italiani non intendono passare Natale e Capodanno in silenzio. Al contrario. A partire da domani e per tutta la durata delle festività, decine di migliaia di locali in tutta Italia esporranno un cartello di protesta all’indirizzo del governo per dire: “Basta!”, al caos normativo degli ultimi mesi che continua a penalizzare le imprese del settore

Rabbia ed esasperazione riassunte in un manifesto unitario siglato da Fipe e Fiepet, le principali associazioni di rappresentanza dei pubblici esercizi di Confcommercio e Confesercenti, affiancate dalla FIC – Federazione Italiana Cuochi.

“22 DPCM, 36 Decreti Legge, 160 giorni di chiusura, un numero imprecisato di ordinanze regionali, una differenza impressionante fra quanto annunciato e quanto attuato. – si legge nel..

“Anche questa volta le imprese ricettive sono state dimenticate: i ristori immediati sono destinati solo a bar e ristoranti, ignorando del tutto alberghi e altre imprese del comparto, che riceveranno un fanno enorme dal lockdown di Natale”.

Così Vittorio Messina, Presidente di Assoturismo Confesercenti.

“È assolutamente necessario estendere anche a queste imprese il diritto a ricevere un sostegno immediato. Il turismo sta vivendo il periodo più difficile di sempre: le attività sono al limite, dopo un lockdown ‘di fatto’ che dura da febbraio. E la normalizzazione, nonostante i progressi sul fronte vaccino, è ancora molto lontana. Non si può e non si deve continuare a ignorare il problema: servono risorse e strumenti per superare una fase drammatica e gettare le basi della ripartenza del turismo”

Il decreto legge pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 18 dicembre 2020

Il Consiglio dei Ministri ha approvato un decreto-legge che introduce ulteriori disposizioni urgenti per fronteggiare i rischi sanitari connessi alla diffusione del virus COVID-19. Il decreto legge è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 18 dicembre 2020 ed è già in vigore.

Il testo – spiega il governo in una nota – prevede che:

– nei giorni festivi e prefestivi compresi tra il 24 dicembre 2020 e il 6 gennaio 2021, sull’intero territorio nazionale, si applicano le misure previste dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 3 dicembre 2020 per le cosiddette “zone rosse”, cioè le aree caratterizzate da uno scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto;

– nei giorni 28, 29, 30 dicembre 2020 e 4 gennaio 2021, sull’intero territorio nazionale, si applicano le misure previste dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 3 dicembre 2020 per le cosiddette “zone arancioni”, cio..