Browsing: In evidenza

L’Associazione: “La sua vigenza chiama in causa due passaggi conseguenti: l’attuazione effettiva delle misure nei confronti dei beneficiari, e la presa in carico delle esigenze di chi è rimasto fuori”

“Con il nuovo Dpcm del 3 Novembre che impone ulteriori restrizioni, in attesa del Decreto che stabilisca se il Piemonte sarà zona rossa e ci consenta fuori tempo massimo di sapere quali commercianti domani potranno aprire la saracinesca e quali rimanere a casa, vorremmo fare una breve riflessione sul cosiddetto Decreto-Ristori. La sua vigenza chiama in causa due passaggi conseguenti: l’attuazione effettiva delle misure nei confronti dei beneficiari, e la presa in carico delle esigenze di chi è rimasto fuori.” Lo rileva Michela Mandrino di Confesercenti Alessandria all’indomani della pubblicazione del DL 28 ottobre.

“Il provvedimento prevede giustamente misure specifiche per 47 codici Ateco, ovvero per altrettante tipologie di attività economica: sono quelle costrette dal precedente Dpcm..

Il Presidente Schiavo: “Una catastrofe: 31mila attività di ristorazione a rischio fallimento. Dove sono gli aiuti? Pronti a ricorre al Tar”

Il Presidente di Confesercenti Campania, Vincenzo Schiavo, commenta con massima preoccupazione le misure presenti nell’ultimo DPCM: “In Campania le 31mila attività del settore della ristorazione sono a rischio fallimento. Se la nostra regione dovesse essere confermata “zona arancione” sarà una catastrofe: saranno pochissime le attività che riusciranno a sopravvivere con il delivery. Forse qualche pizzeria ben organizzata o al massimo qualche pub dei centri città. La maggior parte dei ristoranti, ad esempio, chiuderà del tutto, rischiando seriamente di non riaprire mai più. Confesercenti è da tempo che ha lanciato l’allarme sostenendo che se il Lockdown Bis, ovemai si fosse reso proprio indispensabile, bisognava farlo con criterio, annullando tutte le tasse e mettendo immediatamente risorse a disposizione degli imprenditori per farli restare a casa..

“Provvedimento inaccettabile, pronti a ricorrere al TAR. Governatori regioni intervengano”

Troviamo incomprensibile la scelta di chiudere nel weekend mercati e i negozi nei centri commerciali anche nelle zone verdi: i primi si svolgono principalmente all’aperto, mentre i secondi sono in un ambiente controllato dove è più facile far rispettare i protocolli di sicurezza ed evitare affollamenti. In questo modo si faranno saltare migliaia di attività e centinaia di migliaia di posti di lavoro. Così Confesercenti commenta il DPCM.

Un provvedimento punitivo, anche perché queste attività sono di fatto le uniche a subire limitazioni: lo stop alle medie e grandi strutture di vendita, pure previsto nelle versioni preliminari del testo, è infatti improvvisamente sparito questa notte. Se il problema è il rischio di assembramento, qualcuno ci deve spiegare perché altre attività di distribuzione commerciale al di fuori dei centri commerciali, anche quelle di grandissime dimensioni che registrano m..

Il premier Conte ha firmato il decreto del 3 novembre 2020

Il Presidente del Consiglio Conte ha firmato il DPCM del 3 novembre contenente le nuove misure per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid-19.

Le misure contenute nel decreto hanno validità dal 5 novembre al 3 dicembre 2020.

Il DPCM prevede la definizione di tre aree di rischio: Base (Scenario 2) – Elevato (Scenario 3) – Massimo (Scenario 4). Le aree ad elevato e massimo rischio vengono stabilite con provvedimento del Ministero della Salute e le restrizioni si aggiungono a quelle base.

Di seguito il dettaglio delle norme previste per i tre scenari.

RISCHIO BASE – SCENARIO 2

Coprifuoco nazionale alle h22.
Le attività di ristorazione sono consentite dalle 5 alle 18. Consumo al tavolo per massimo di 4 persone. Dopo le 18 vietato il consumo di cibi e bevande in luoghi pubblici e aperti al pubblico. Sempre consentita la consegna a domicilio. L’asporto consentito entro l’orario di coprifuoco. Aperti gli esercizi di som..

In attesa del testo ufficiale. Italiani a casa alle 22, in zone rosse sarà lockdown

Il presidente del Consiglio, a quanto si apprende, ha firmato il nuovo Dpcm sulle misure restrittive anti-Covid. Il testo sarà pubblicato in Gazzetta nelle prossime ore. Fonti di Palazzo Chigi hanno confermato che il decreto ha mantenuto l’impianto della bozza anche dopo il confronto con gli enti locali.

Le nuove misure, che saranno in vigore da giovedì e resteranno valide fino al 3 dicembre: l’Italia viene divisa in 3 aree di rischio e in quella dove il contagio è più diffuso e gli indici epidemiologici sono più critici.

C’e’ uno “scenario di elevata gravità e da un livello di rischio alto” che si “collocano in uno scenario di tipo 3”. E un altro di “massima gravità” con uno “scenario di tipo 4”.

Nella bozza del Dpcm si prevede una stretta a livello locale. Nella zona rossa dovrebbero essere Lombardia, Piemonte, Calabria, Alto Adige e Valle d’Aosta. Zona arancione Puglia, Liguria e probabilmente il..

Redatto un documento da sottoporre all’attenzione del governo

In un articolo su IlGiornale.it il Presidente Fismo Fabio Tinti e la Coordinatrice nazionale Pina Parnofiello illustrano le proposte della Federazione della moda Confesercenti a tutela del settore.

Fismo, si legge nell’articolo, ha “recentemente redatto un documento da sottoporre all’attenzione del governo per accendere i riflettori sulla pericolosa deriva della filiera della moda e del Made in Italy che, per riuscire a sopravvivere e a tornare a essere uno dei motori trainanti dell’economia italiana, ha bisogno di interventi economici e fiscali significativi”.

L’articolo completo

Azzerati fatturati di aziende che lavorano con sport, entertainment ed eventi

Le imprese di vigilanza e sicurezza hanno un ampio mercato cui prestano il loro servizio. Moltissime lavorano con sport, entertainment ed eventi e da mesi sono ferme. Però non riceveranno nessun ristoro perché il nostro codice Ateco non rientra in quelli previsti dal Decreto”.

Così Domenico Palma, presidente Assicurezza Confesercenti, Associazione Nazionale Imprese di Vigilanza e di Servizi per la Sicurezza che spiega “alcuni sono impiegati, perché prestano servizio negli ospedali, nelle banche. Ma tutti quelli che sono addetti al controllo di discoteche, locali, ingresso ai concerti, agli spettacoli, manifestazioni sportive, sono fermi da quando sono fermi i suddetti settori. Oltre al danno, ora, anche la beffa legata al nostro codice Ateco che non consente di ottenere alcun ristoro”.

“In aggiunta a ciò – sottolinea Palma – stanno saltando le fiere e i mercatini natalizi e di conseguenza i nostri contratt..

Tanti relatori, tanti ospiti al laboratorio delle idee che da oltre 20 anni si interroga sul futuro della montagna. Tra le novità di quest’anno la diretta Facebook

La XXI edizione della B.I.T.M. (Borsa Internazionale del Turismo Montano) – Le Giornate del Turismo Montano, organizzata dalla Confesercenti del Trentino, si svolgerà a Trento dal 10 al 13 novembre, presso Palazzo Roccabruna in Via S.S. Trinità 24, in collaborazione con la Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Trento, la Provincia Autonoma di Trento, Assoturismo-Confesercenti Nazionale, Comune di Trento, Trentino Marketing, le principali associazioni imprenditoriali locali, Aziende per il Turismo trentine e numerosi altri enti e aziende private.

Per questa edizione, B.I.T.M. avrà come tema “IL TURISMO CHE VERRÀ”; un argomento strettamente correlato all’emergenza sanitaria del Coronavirus che funge da potente acceleratore sui processi di cambiamento, anche nel settore turistico, fortemente interessato d..

Il Coordinatore Cavazza: “Si tratta d’interventi che riteniamo indispensabili per garantire la sopravvivenza delle imprese del nostro territorio”

Le Agenzie di viaggio sono tra le più colpite dalla crisi economica a causa dell’emergenza Covid 19. Assoviaggi Confesercenti Modena esprime soddisfazione per l’aumento, a seguito della sua richiesta, del contributo a fondo perduto già previsto con apposito bando regionale a sostegno della categoria

“A seguito della richiesta avanzata da Assoviaggi Confesercenti Emilia Romagna, la Giunta regionale, nella riunione di ieri, ha aumentato il contributo a fondo perduto già previsto con apposito bando per le agenzie di viaggio. Siamo contenti che la Regione Emilia-Romagna abbia accolto le nostre richieste per far fronte alle perdite economiche subite dai nostri operatori nei mesi scorsi e tuttora a causa delle misure ristrettive dovute al Covid19 – commenta Daniele Cavazza, coordinatore provinciale Assoviaggi Confesercenti Modena.

I contributi s..

Il Presidente Rebecchi: “Nuove restrizioni sono ammissibili solo nella misura in cui e laddove si ritengano assolutamente imprescindibili, altrimenti inevitabilmente pregiudicheranno la già precaria tenuta economica e sociale del nostro territorio”

«Le imprese lombarde e in particolare quelle del commercio e del turismo sono già allo stremo». «Nuove restrizioni sono ammissibili solo nella misura in cui e laddove si ritengano assolutamente imprescindibili, sulla base di rilevazioni epidemiologiche rispetto alle quali siano state preventivamente concordate misure chirurgiche e collegate a ristori automatici e, ovviamente, adeguati». Questa la dichiarazione di Gianni Rebecchi, Presidente di Confesercenti regionale Lombardia, al termine degli Stati Generali del Patto per lo Sviluppo convocati dal Presidente della Regione Attilio Fontana per discutere della posizione che la Lombardia assumerà rispetto alle nuove restrizioni che il Governo sta valutando proprio in queste ore assieme alle Re..