DL Semplificazioni, Confesercenti: passi in avanti, ma mancano interventi sul lavoro

“Riteniamo positivo l’impegno del Governo, ad investire su un processo di digitalizzazione e semplificazione dei processi amministrativi. Occorre però, ancora intervenire in modo profondo sue due aspetti: quello culturale e quello delle infrastrutture. Bene accelerare e semplificare le procedure. Bene il silenzio assenso. Ottima la procedura per la nuova Sabatini. Condivisibili gli obiettivi per i processi di digitalizzazione. Ma all’appello mancano passi importanti per raggiungere gli obiettivi che il DL Semplificazioni si prefigge. Sui rapporti di lavoro e in materia di lavoro ci attendevamo un capitolo ed una attenzione specifica”.

E’ quanto si legge nel documento di osservazioni al Dl Semplificazioni consegnato da Confesercenti alle Commissioni riunite I e VIII del Senato della Repubblica.

“Sul lavoro servono procedure semplificate ed efficienti mentre finora si è assistito unicamente ad un continuo susseguirsi di decreti interministeriali, circolari INPS e del Ministero del Lavoro spesso in contraddizione tra loro. Un caos burocratico cui si sommano anche i ritardi di erogazione delle prestazioni legate al Fondo di integrazione salariale. La semplificazione degli ammortizzatori sociali ed una loro riforma strutturale è fondamentale. Secondo le stime di Confesercenti, la burocrazia delle richieste di cassaintegrazione è già costata alle imprese italiane circa 200mila ore di lavoro. Un quadro reso ancora più grave dai ritardi dell’effettiva erogazione delle risorse”.

Leggi il documento integrale

Powered by WPeMatico

Pin It